Sono il figlio di Francesco

Sono il figlio di Francesco, il tappezziere.
morissi adesso avremmo la stessa età
nel paradiso di chi ha fede. Mi accontento
per ora, d’incontrarlo nel mio naso
nel cranio calvo, nella brama di essere uomo.

Ho pronunciato il suo nome nel mondo
in ogni tempio di qualunque credo
l’ho chiamato padre. Non credo sarà
un luogo né un tempo a dirci vicini
non credo sarà abbraccio, sarà stretta di mani.

Eppure un pensiero acerbo, privo di dita
per dare figura, parole a misura del verbo.
L’elemosina all’indovina che ci conti aldilà.


da “Nessuno ripara la rotta” la vita felice Edizioni 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...