Facce da Porto



La signora è bella, ha un viso speciale
ma le manca qualche dente. Il sorriso
si spiega, dirompente, come le case
magre ed eleganti alcune diroccate
assenti; in fila a lastricare la via
che porta al fiume, di lucide piastrelle.

C’era un tizio al parcheggio sul promontorio
in una Renault, l’ho notato per sbaglio
guardava un giornaletto porno che però
ha subito nascosto. Pensavo è tempo
che la carta non va più di moda e poi da
quel posto la vista era proprio stupenda.

Un drogato con la faccia devastata
malinconica come la luna mi ha
chiesto una monetina per l’auto in sosta.
Gli ho dato pochi spicci. “Por dois dias!?”
imprecava. L’ho lasciato sulla strada
ho messo la prima e sono scappato via.

Se li ascolti bene, dopo un po’ di tempo
i lamenti dei mendicanti suonano
come dei mantra. È curioso, passano
la maggior parte delle giornate fuori
dalle chiese ripetendo le parole
a oltranza senza parlare con nessuno.

Un nasone rosso pieno di vene che
cercano l’uscita dal grugno. Sentieri
colore del vino salgono e scendono
per il colle come fossero montagne
russe; un gabbiano grasso frigna in cielo.
Ci mostra col volo, la via del bicchiere.

Così lontana, tu. Dormi qui, accanto
profumi di ciliegia, liquore rosso.
Anche senza toccarti, ti sono dentro.



Amore & Psycho, Miraggi Edizioni 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...